Il maestro Fu Wen Jun presenta “Harmony in Diversity” al Digital Painting Photography Exhibition

From March 9th to 19th 2017, Fu Wenjun will be presenting his solo exhibition entitled “Harmony in Diversity" al  Digital Painting Photography Exhibition, at the National Art Museum of China. The curator of the solo exhibition, Peng Feng, who is Professor at Peking University School of Arts and curator of the Chinese Pavilion at the 54th Biennale di Venezia, plans to exhibit 57 workpieces of 5 series created by Fu Wenjun in recent years, leading people to a visionary, deep world permeated with poetic meaning and tension, displaying the expressive force of contemporary photography.

Fu Wenjun, Chinese contemporary artist, was graduated from Sichuan Fine Arts Institute. He creates principally through the art media of photography, installation, sculpture and oil painting, and has put forward the concept of “digital painting abstract photography”. His works embody his thinking and reflection on many issues related to the Eastern and Western history, culture and humanity, including the relationship between different cultures in the age of globalization, the heritage of traditional Chinese culture in a rapidly changing society, industrialization and urbanization in Chinese cities. He has presented his solo exhibitions at the Old Summer Palace Museum (Beijing), at the Today Art Museum (Beijing), at the United Nations Headquarters (New York), at the Guangdong Museum of Art (Guangzhou) and at other international art organizations. His works are exhibited at significant international exhibitions, such as the Triennale dell’Arte Contemporanea, the 1st Asia Biennial/5th Guangzhou Triennial, the XVIII Bienal de Cerveira, NordArt, and the collateral exhibition of Biennale di Venezia 2013, entitled Voice of the Unseen Chinese Independent Art 1979/Today. He has gained numerous awards, including the first prize from the International Biennial of Contemporary Art in Argentina, “The Best Artist in the World” at Tour Eiffel La Grande Exposition Universelle, the International Award “Lorenzo il Magnifico” of X Florence Biennale.

Having been creating photographic works for about thirty years, Fu Wenjun has kept thinking and exploring for a long time on the concept expression in the form of contemporary photography. Recently he has almost abandoned the documentary photography, and focuses on creating works permeated with an elegant and poetic flavor of Chinese traditional culture qualities, meanwhile conveying the symbolic and critical consciousness of contemporary art. Fu Wenjun names this kind of new photography as “digital painting photography”.

The “digital painting photography” of Fu Wenjun has broken the antithesis of photography and painting, and has destroyed the cause-effect relation between photography and the object. He believes the photographer, like a painter, can collect any kind of visual elements to express ideas or feelings. Observers can appreciate the workpiece as if it was a painting, understanding the morale and the implied meaning of the photographic work. “Digital painting photography” provides the artist a great freedom, so that he can boldly melt pictorial elements into photography, just like the Chinese traditional freehand brushwork, heartily and carrying through without stopping. At the same time, he does not rely on “just photography”, instead he starts from the subjective thinking and artistic creativity to give shape to a new visual viewing experience.

The formal freedom allows a calm and easy conveyance of ideas. With the background of globalization, the integration of multiple cultures is not to melt into each other, but to coexist peacefully keeping their unique posture and charm, to supplement and complement each other. Fu Wenjun is clearly aware of this. In each piece of his representative series Harmony in Diversity, in the picture Chinese traditional paintings are blended with Western classic sculptures, delivering an elegant and meaningful flavor. The two forms of beauty show harmony in diversity, and each one has its uniqueness.

After analyzing the artistic thinking and creation of Fu Wenjun, the curator Peng Feng has selected to four photography series, Harmony in Diversity, A Wind from Yesterday, Thought Reading, and the photography installation work Post-industrial Era to be shown at the National Art Museum of China, the most prestigious art museum in China. He would like to invite the spectators to feel the endless charm sent forth by the distinctive “digital painting photography”, creating sparks in their heart.

 

Harmony in Diversity: Fu Wenjun's Digital Painting Photography Exhibition

Organizer: Chongqing Federation of Literary and Art Circles

Curator: Peng Feng

Exhibition duration: March 9th -19th, 2017

Press conference: 3pm March 8th, 2017 (First Floor Hall No.3, National Art Museum of China)

Venue: First Floor Hall No.3, 5, 7, National Art Museum of China

 

About the exhibition

The relationship between photography and painting has always captured the interest of arts scholars. According to most fundamentalist scholars of aesthetics, ontological differences exist between photography and painting. The appearance of the digital imaging technology has destroyed the cause-effect relation between photography and the object. Photographer, like a painter, can collect any kind of visual elements to express ideas or feelings. Observers can appreciate the workpiece as if it was a painting, understanding the morale and implied meaning of the photographic work. Fu Wenjun towards such new photographic art, named digital painting photography, wants to master photography as if it was a painter, to express independent ideas, morale, and even abstract mental states. Fu Wenjun is a forerunner in the field of digital painting photography, this exhibition presents 5 series of 57 workpieces realized in the last few years; they will lead us to a visionary, deep world permeated with poetic meaning and tension, displaying the expressive force of contemporary photography. (By the curator Peng Feng)

 

About Fu Wenjun

www.fuwenjun.com

Fu Wenjun, Chinese contemporary artist, was graduated from Sichuan Fine Arts Institute. He creates principally through the art media of photography, installation, sculpture and oil painting, and has put forward the concept of “digital painting abstract photography”.

His works embody his thinking and reflection on many issues related to the Eastern and Western history, culture and humanity, including the relationship between different cultures in the age of globalization, the heritage of traditional Chinese culture in a rapidly changing society, industrialization and urbanization in Chinese cities.

He has presented his solo exhibitions at the Old Summer Palace Museum (Beijing), at the Today Art Museum (Beijing), at the United Nations Headquarters (New York), at the Guangdong Museum of Art (Guangzhou) and at other international art organizations. His works are exhibited at significant international exhibitions, such as the Triennale dell’Arte Contemporanea, the 1st Asia Biennial/5th Guangzhou Triennial, the XVIII Bienal de Cerveira, NordArt, and the collateral exhibition of Biennale di Venezia 2013, entitled Voice of the Unseen Chinese Independent Art 1979/Today.

He has gained numerous awards, including the first prize from the International Biennial of Contemporary Art in Argentina, “The Best Artist in the World” at Tour Eiffel La Grande Exposition Universelle, the International Award “Lorenzo il Magnifico” of X Florence Biennale. His artworks are collected by Today Art Museum, the Old Summer Palace Museum, Tokyo Metropolitan Art Museum, Kennedy Family, World Council of Peoples for the United Nations, Dazu Grotto Museum, Chongqing Art Museum, Guangdong Museum of Art, Société Nationale des Beaux Arts of France, Egypt Ahmed Shawki Museum and other significant organizations and collectors.

Integrità del gioco, formazione in campo contro le frodi sportive

Realizzato dalla Lega serie A il progetto “Per l’integrità del gioco: formazione in campo contro le frodi sportive” con Sportradar AG, in collaborazione con l’Istituto per il Credito Sportivo, ha fatto tappa oggi allo stadio Friuli-Dacia Arena, per una giornata di formazione a 360 gradi sul match-fixing con l’Udinese Calcio.

L' avvocato Marcello Presilla, responsabile per l'Italia di Sportradar AG – società, partner UEFA, specializzata nell’analisi e monitoraggio dei flussi di scommesse e nella lotta alle frodi sportive ha spiegato agli atleti il fenomeno del match-fixing in tutte le sue forme, illustrandone rischi e conseguenze. Durante gli incontri sono stati tracciati gli identikit dei cosiddetti fixers, i criminali che agganciano i giocatori intrappolandoli nelle truffe, attraverso tecniche di adescamento che sfociano anche in ricatti e minacce pregiudicando il futuro e la credibilità degli atleti e del calcio.

L' obiettivo di questa nuova stagione di incontri formativi sarà quello di far crescere sempre più il grado di consapevolezza di atleti, tecnici e dirigenti attorno al fenomeno delle combine e delle scommesse clandestine, offrendo strumenti di difesa validi contro chi infanga l’immagine dello sport.

Partner del progetto, insieme alla Lega Serie A è il Credito Sportivo, unica banca pubblica italiana leader nel finanziamento all’ impiantistica sportiva.
Questa banca sta attuando sempre più efficaci politiche creditizie attraverso nuovi strumenti agevolativi e attraverso accordi mirati con le Leghe, con la Federazione Italiana Giuoco Calcio e con l’Associazione Italiana Calciatori per favorire e facilitare l’accesso al credito. Ma chiaramente questo processo di crescita deve necessariamente essere accompagnato da un aumento della credibilità e della affidabilità di chi decide di investire in questo sport; è indispensabile infatti, per sostenere l’economia e lo sviluppo del calcio, che si diffonda sempre più la cultura dell’integrità e della correttezza.

La redazione

 

Elegia per l’Artico – Musica contro i cambiamenti climatici

 

Greenpeace diffonde le spettacolari immagini di Ludovico Einaudi, musicista e compositore di fama mondiale, mentre esegue al pianoforte il suo inedito “Elegy for the Arctic” su una piattaforma galleggiante alla deriva nel Mar Glaciale Artico. La performance dell’artista italiano si è svolta di fronte al ghiacciaio Wahlenbergbreen, alle Isole Svalbard (Norvegia), in sostegno della campagna di Greenpeace a difesa dell’Artico. Einaudi ha raggiunto il ghiacciaio a bordo della nave “Arctic Sunrise” di Greenpeace, unendosi all’appello firmato da quasi otto milioni di persone per chiedere alla comunità internazionale di sottoscrivere al più presto un accordo che protegga l’Artico dallo sfruttamento e dai cambiamenti climatici. «Arrivare qui è un’esperienza incredibile. L’artico non è un deserto ma un luogo pieno di vita. Ho potuto vedere con i miei occhi la purezza e la fragilità di quest’area meravigliosa. E suonare una mia composizione ispirata alla bellezza dell’Artico e alle minacce che subisce a causa del riscaldamento globale. Dobbiamo comprendere l’importanza dell’Artico per proteggerlo prima che sia troppo tardi», ha commentato Ludovico Einaudi. L’azione di Greenpeace si è svolta alla vigilia di un’importante riunione dell’OSPAR, la commissione internazionale deputata alla conservazione dell’Atlantico nordorientale, che proprio in questi giorni discute dell’istituzione di un’area protetta di oltre 226 mila chilometri quadrati nelle acque internazionali del Mar Glaciale Artico, al momento il mare meno protetto del mondo. Si tratterebbe di un’area con un’estensione pari a quella della Gran Bretagna. La decisione è sostenuta dal parere del comitato scientifico dell’OSPAR, che ha riconosciuto l’elevato valore ecologico di questa regione e la gravità del processo di disgelo causato dai cambiamenti climatici. Per questo Greenpeace chiede l’istituzione di un Santuario Artico in cui sia vietata qualsiasi attività industriale ed estrattiva. Tuttavia, sotto la pressione dei governi di Norvegia, Danimarca e Islanda, che stanno cercando di ostacolare il processo di approvazione, l’accordo potrebbe saltare. Nelle scorse settimane Greenpeace ha pubblicato il rapporto scientifico “What happens in the Arctic doesn’t stay in the Arctic” (Quel che accade nell’Artico non resta confinato nell’Artico), svelando come questo ecosistema unico e prezioso si stia scaldando due volte più in fretta che qualsiasi altra regione del mondo, con possibili gravi ripercussioni sull’intero clima terrestre, che alle nostre latitudini si manifesteranno con un incremento dei fenomeni metereologici estremi. Come se non bastasse, il ritiro dei ghiacci causato dal riscaldamento globale renderà più facile la pesca, il trasporto marittimo e l’estrazione di combustibili fossili, mettendo a rischio la sopravvivenza dell’Artico. Basti pensare che a causa della scomparsa dei ghiacci, per realizzare la performance è stato necessario costruire una piattaforma galleggiante che potesse sostituire la banchisa e ospitare il pianoforte su cui Einaudi ha suonato la sua elegia in difesa dell’Artico.

 

https://www.savethearctic.org/it/voices/

 

Giuseppe Onufrio

Fisico di formazione, si è occupato di analisi ambientale dei cicli energetici e tecnologici e di politiche energetiche. Ha lavorato come ricercatore per diversi enti e istituzioni pubbliche e private, italiane e non. Ha pubblicato come autore e coautore una cinquantina tra pubblicazioni, articoli e contributi a rapporti scientifici.

Dal 1998 al 2001 è stato consigliere d’amministrazione dell’ANPA (Agenzia per la protezione dell’ambiente, oggi ISPRA).  Dal 2001 al febbraio 2006 è stato direttore scientifico dell’Istituto Sviluppo Sostenibile Italia a Roma. Dal 2002 al 2009 è stato direttore editoriale della collana “energie” per Franco Muzzio Editore.

Dal febbraio 2009 è direttore esecutivo di Greenpeace Italia, per cui è stato direttore delle campagne dal 2006.

 

Guardami oltre – Sanremo per il sociale

Per il terzo anno consecutivo avrà luogo a Sanremo – in contemporanea alla sessantasettesima edizione del Festival -  “Guardami oltre…!” (Sanremo per il sociale), un’iniziativa culturale e sociale che racconta e presenta progetti artistici realizzati da categorie sociali fragili. Ideata e curata da Patrizia del Vasco e Gino Aveta, la manifestazione avrà luogo questa volta nella splendida cornice del Teatro dell’Opera del Casino’ di Sanremo ogni giorno, dal 7 all’11 febbraio, a partire dalle 16,30. Si tratta di un progetto che nasce senza alcuna finalità di lucro, ma esclusivamente dal desiderio di sostenere e dare visibilità a quanti in Italia si adoperano a favore di categorie sociali fragili: un’opportunità, allo stesso tempo, per raccontare i talenti e le espressioni dei protagonisti prescelti e vederli raccontare. Ricomporre le tracce di un’identità frammentata, condividere l’esperienza artistica tra senso e valore di sé, valicare il muro della solitudine e del silenzio, affermare il diritto alla diversità in quanto bellezza e pari opportunità è la mission che ogni pomeriggio la stessa Patrizia del Vasco, in compagnia di Maurizio Ferrini, porterà sul palco insieme a molti ospiti (ingresso libero a tutti, fino ad esaurimento posti).

Abbiamo concepito questo progetto – afferma Patrizia del Vasco - all’insegna della solidarietà, dell’impegno civile, nella consapevolezza che nessuno può vivere solo per sé stesso, che si vince e si è felici solo insieme, che incoraggiare e sostenere la vita degli altri è un dovere morale che consente alla nostra stessa vita, di manifestare un’immensa condizione di felicità.

Sono veramente felice – aggiunge Ferrini - di approfondire la conoscenza di certe realtà e di quanto e di come si stia facendo per sostenere e migliorare le condizioni di vita di persone meno fortunate. Io spero di portare il mio contributo di speranza, serenità, fiducia e buonumore.

Nelle prime due edizioni, le tematiche hanno abbracciato ambiti come il disagio mentale, l’oncologia infantile e adulta, la devianza minorile, la cardio-protezione, la disabilità fisica, i disturbi dell’alimentazione, il disagio giovanile, la disoccupazione, l’immigrazione, patologie croniche come l’alzheimer, la sindrome di down, l’ Aids, la S.L.A. e i disagi conseguenti ad eventi naturali. E quest’anno non sarà da meno, con una particolare attenzione anche alla detenzione carceraria, alla sordo-cecità e a  materie di triste attualità, prime tra tutti i  cambiamenti climatici ed i terremoti.

A stemperare tali argomenti, estremamente complessi e che presuppongono una particolare sensibilità, saranno proprio i linguaggi artistici dei progetti presentati: musica, cinema, teatro, documentari, cortometraggi, pittura, scrittura creativa, maggiormente fruibili ad un pubblico più vasto, saranno i modelli sui si baserà il format, ritmato e innovativo, di ogni “puntata”. All’interno di ogni appuntamento sarà anche proiettato uno speciale video clip con i sostenitori di “Guardami oltre...!”, una rosa di illustri nomi della cultura musicale italiana che comprende: Gianni Morandi,Tullio De Piscopo, Peppe Vessicchio, Vittorio De Scalzi, Patti Pravo, Eugenio Finardi, Jocelyn, Andrea Mirò, Giovanni Caccamo, Franco Mussida, Adriano Pennino, Gigi e Ross, Maurizio Casagrande, Fabrizio Frizzi e Tiberio Timperi.

A corollare ed integrare il senso di questa iniziativa, novità di quest’anno, l’attiva collaborazione con l’associazione culturale Matteo Bolla di Sanremo, presente da anni sul territorio ligure con iniziative ed eventi culturali, artistici, sportivi a sostegno della comunità, ma soprattutto dei giovani e dei lori disagi. Una collaborazione che permetterà il coinvolgimento degli alunni degli Istituti superiori delle scuole di Sanremo, come protagonisti e parte integrante della manifestazione stessa, al fine di sensibilizzare i giovani sul tema della disabilità fisica e psichica, sul valore dell’accoglienza e della solidarietà, sulla diversità come elemento di confronto e di arricchimento per la propria vita.

Ad omaggiare la musica italiana, altra novità di questa edizione, saranno allestiti due spazi, entrambi nel foyer del Teatro del Casinò. Il primo riguarda una mostra sul Festival della Canzone Napoletana, nata nel 1932 proprio in questo teatro e che ha tracciato la strada a quello che sarebbe diventato, poi, il Festival della Canzone Italiana: un doveroso tributo ad una tradizione amata in tutto il mondo, che ha rappresentato il primo esempio in Italia di “Canzone” così com’è stata concepita in tutta la tradizione musicale successiva. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con all’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, vedrà esporre anche materiali provenienti dagli archivi Bovio-De Mura. La seconda mostra riguarda Claudio Villa, in occasione del trentennale della sua scomparsa (7 febbraio 1987), protagonista al Festival di Sanremo in diverse edizioni e vincitore nel 1963.

Di rilievo, infine, la collaborazione con Radio LDR (La radio del sociale) che da anni conduce la propria attività con finalità sociali attraverso programmi dedicati alla malattie rare, allo studio della costituzione italiana, alla disabilità e alle sue problematiche, ai maltrattamenti verso i più deboli, al bullismo, alla violenza sulle donne, all’uso di droghe, alla disoccupazione, all’istruzione, all’evoluzione della società dal punto di vista antropologico. Radio LDR, presente durante i cinque giorni della manifestazione con una postazione apposita, trasmetterà in streaming le dirette giornaliere integrali sul canale digitale www.radioldr.it (DT - 861).

Il programma

Progetti artistico-sociali

FESTIVAL DELLA CANZONE NAPOLETANA

MOSTRA AUDIO-VISIVA (in corso per tutta la settimana)

A cura di: Ass. Aladin; Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.

Sezioni dedicate: Festival della Canzone Napoletana, collezioni Bovio-De Mura, Claudio Villa.

LAPIAZZAINCANTATA

IL PIU’ GRANDE CORO DEL MONDO

A cura di: Comune di Napoli: Assessorato alla Cultura e al Turismo; Regione Campania: Assessorato all'Istruzione, Politiche Sociali e Sport; MIUR: Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Ospiti:

Nino Daniele (Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli)

On. Luigi Berlinguer (Pres. del Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti-MIUR)

Annalisa Spadolini (Coord. del Nucleo tecnico operativo CNAPM e coord. per il MIUR del Progetto “lapiazzaincantata”)

Renato Parascandolo (Ideatore e coordinatore del progetto “lapiazzaincantata”)

Prof. Giorgio Giusfredi (Dirigente Scolastico dell’I.C. Giovanni Pascoli di Aprilia –LT)

Esibizioni live

 SANREMOINCANTATA

CORO DI VOCI BIANCHE DELL’ I.C. GIOVANNI PASCOLI DI APRILIA (LT)

RITA NUTI (Direzione)

MICHELE GAROLLA (Pianoforte)

 LUIGI

PRESENTAZIONE CD OMAGGIO A LUIGI TENCO

ROBERTA ALLOISIO (voce)

ARMANDO CORSI (chitarra)

MERCOLEDI’ 8 FEBBRAIO ORE 16,30

Progetti artistico-sociali

MALATTIE RARE MA NON TROPPO

LA S.L.A.

A cura di: Radio LDR, la radio del sociale di Frattaminore (NA)

Ospiti:

Carla Miro (Presidente Ass. Radio LDR)

 

SAHARAWI

IL POPOLO DIMENTICATO

A cura di: Ass. Rio De Oro Montefeltro ONLUS di Novafeltria (RN)

Ospiti:

Anna Bischi Graziani (Sostenitrice progetto)

SANTA MARIA CAPUA VETERE PER IL SOCIALE:

 “MITREOFILMFESTIVAL

FESTIVAL DI CORTOMETRAGGI E SCENEGGIATURE

A cura di: Ass. MitreoFilmFestival

Ospiti:

Avv. Antonio Mirra (Sindaco Comune S. M. Capua Vetere - CE)

Paola Mattucci (Presidente Ass. MitreoFilmFestival)

Lucilla Minillo (Direttore artistico Mitreo Film Fesstival)

 

FIREMUSICFESTIVAL

CONCORSO GIOVANI TALENTI DELLA MUSICA

A cura di: Ass. Fondiaria D’Angiò

Ospiti:

Gianfranco Di Rienzo (Presidente Ass. Fondiaria D’Angiò)

Vittorio De Scalzi (Direttore artistico FireMusicFestival)

Jole Canelli (Vincitrice 1a edizione FireMusicFestival)

 

Esibizioni live

SE

JOLE CANELLI (Voce)

LEONARDO MARCUCCI (Chitarra)

ROCK E BALLATE  PER QUATTRO STAGIONI

PRESENTAZIONE COFANETTO RACCOLTA BRANI DI IVAN GRAZIANI

50 ANNI DI CARRIERA: L’ ITALIA ATTRAVERSO LE SUE CANZONI

VITTORIO DE SCALZI

 

GIOVEDI’ 9 FEBBRAIO ORE 16,30

Progetti artistico-sociali

ELEGIA PER L’ARTICO

MUSICA CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI

A cura di: Greenpeace Italia Onlus

Video clip di Ludovico Einaudi

Ospiti:

Giuseppe Onufrio (Direttore Esecutivo Greenpeace Onlus)

RACCOGLIENDO MI TRASFORMO

VENDEMMIATERAPIA

A cura di: O.D.V. La bottega dei semplici pensieri di Quarto  (NA)

Ospiti:

Mariolina Trapanese (Presidente.O.D.V. La bottega dei semplici pensieri)

Aldo Errico (Sostenitore delle attività O.D.V. La bottega dei semplici pensieri)

Emanuela Russo (Resp. Comun. azienda vitivinicola Cantine Astroni - Na)

Roberto Del Giudice (Utente-destinatario progetti O.D.V.)

PARENTI LATINI

PRESENTAZIONE CD

Produzione: Italiana dischi

Distribuzione: Believe

Ospiti:

M° Peppe Vessicchio

I solisti del Sesto Armonico

SOGNANDO

CANTO CONTRO I MANICOMI

A cura di: Paolo Zefferi per RAI News 24

Ospiti:

Don Backy

Esibizioni live

PIANETA DONNA

PRESENTAZIONE CD + LIVE

Testi e musica: Don Backy

Arrangiamenti: Enzo Polito

Produzione: Ediz. Ciliegia Bianca sas

Distribuzione: Sony

PARENTI LATINI 

M° Peppe Vessicchio

VENERDI’ 10 FEBBRAIO ORE 16.30

Saluti di

Verdiano Vera (Direttore FIM-Fiera Internazionale della Musica)

Progetti artistico-sociali

IL CANTIERE DEI SOGNI

TEATROSORDOCIECHI

A cura di: Ass. Lega del Filo d’Oro Onlus di Osimo  (AN)

Rossano Bartoli (Segretario Generale Lega del Filo d’Oro Onlus)

Francesco Mercurio (Esperto giuridico Lega del Filo d’Oro Onlus)

Valentina Stronati (Assistente-interprete)

 

CRUDOO

BRINDANDO IN BRAILLE

A cura di: Azienda vinicola Giorgi S.R.L. di Canneto Pavese  (PV)

Ospiti

Fabiano Giorgi (Direttore Azienda Giorgi)

Domenico Pagliuca (Direttore del marketing)

EVASIONE COL COLORE

DIPINTI DAL CARCERE

A cura di: Casa di Reclusione di Sanremo (IM)

Ospiti:

Dott. Francesco Frontirré (Direttore Casa di Reclusione)

Antonella Cotta (Direttore artistico)

Roberta Bonavera (Assistente progetto)

CANTA COME MANGI

SALUTE E IGIENE VOCALE

A cura di: Ass. Musicale Frequenze di Airola (BN)

Ospiti:

Prof. Dott Alfonso Gianluca Gucciardo (ORL, Medico dell’Arte)

Dr. Vincenzo De Honestis (Biologo, Nutrizionista)

Dott.ssa Nunzia Carrozza (Musicista, Logopedista)

MEDICINA ECO SOSTENIBILE

SALUTE A DIFESA DEL CITTADINO

A cura di: Ass. Libertà e Salute di Napoli

Ospiti:

Dott. Pasquale Aiese (Pres. Ass. L. e S. - Medico Omeopata e Agopuntore)

LA MUSICA FA CRESCERE I POMODORI

PRESENTAZIONE LIBRO

A cura di: M° Peppe Vessicchio,  Angelo Carotenuto

Edizione: Rizzoli

Ospiti:

M° Peppe Vessicchio

 

Esibizioni live

HELLEQUIN

B and B & B

 

UNIVERSO

ZIBBA

 

SABATO 11 FEBBRAIO ORE 16,30

 

Progetti artistico-sociali

CREATIVITA’ CHE SBALLA

PREVENZIONE AIDS

A cura di: V.O.L.A. Volontari Ospedalieri Lotta Aids - NA

Ospiti:

Dott. Vincenzo De Falco (Presidente ass. VOLA)

Dott. Alfredo Franco (Infettivologo)

ASS. OUTSIDER ONLUS DI TORINO PER IL SOCIALE

POLVERE  

TEATRODISABILE

Ospiti:

Fratel Marco Rizzonato (Fondatore Ass. Outsider Onlus)

Barbara Altissimo (Regista, coordinatrice progetto Polvere)

LA VITA CHE VORREI

Paolo Mantovani (Voce recitante)

SKYDREAM

PITTURA SENSORIALE

Ospiti:

Margherita Bignamini (Coordinatrice Outart Group)

Veronica Perrone (Coordinatrice Outart Group)

SOGNANDO I CIELI

Debora Sgro  (Voce)

Federica Scirè, Chiara Demorra, Nadia Pasqualotto  (accompagnatori sensoriali)

TAMBURI PITTURATI

MUSICA CON IL RICICLO

Ospiti:

Sergio Cherubin (Regista, coordinatore gruppo Drum Teatre)

RITMI DELLA VITA

Ilaria Stradiotto, Elisa Mariano, Serena Carrino, Carlotta Putetto, Nicole Guarini,

Francesco Barberis, Alberto Storiano, Davide Mariano (Percussionisti Drum Teatre)

NON SIETE SOLI

I BAMBINI E IL SISMA

A cura di: Ass. Naz. Bersaglieri, Ass. Naz. Vigili del fuoco (sez.Forlì-Cesena), Ass. di Protezione Civile, volontariato.

Ospiti:

Ing. Giuseppe Loberto (Coordinatore del progetto)

 

Esibizioni live

L’UNIVERSO DEI DIVERSI

SUSY BARBATO (Cantautrice) 

GUITAR SOLO

ANTONIO ONORATO

Live dall’omonimo CD distribuito da Sony

In chiusura:

ESIBIZIONE DELLA FANFARA DEI BERSAGLIERI IN CONGEDO

ASS. NAZ. BERSAGLIERI SEZIONE DI LONATE POZZOLO (VA)

 

 

Parole profetiche per il nostro tempo

Vocabolario di papa francesco2DEF.inddDopo il successo del primo "vocabolario", ecco un nuovo volume con altri termini tra i più ricorrenti nei discorsi, nelle omelie, nei documenti di papa Bergoglio.
Queste "parole" sono riprese e raccontate da giornalisti e comunicatori diversi che lo seguono da vicino, ognuno con il suo stile, ognuno con la sua sensibilità Uno strumento utile per cogliere il pensiero di Bergoglio e per orientare cristianamente la propria vita.

L'Autore: ANTONIO CARRIERO è salesiano di Don Bosco. Collabora con Avvenire, L'Osservatore Romano e Vatican Insider de La Stampa.

PRESENTAZIONE
Francesco è un incontro continuo
Greg Burke
Direttore della Sala Stampa della Santa Sede

Se c'è una persona che non ama tanto le parole ma i fatti, quello è Papa Francesco. Perciò come affrontare un vocabolario - per di più il secondo volume - che cerca di rappresentare con cinquanta parole il Pontefice? In realtà l'imbarazzo si supera velocemente perché in queste pagine non c'è affatto la disamina di princìpi teorici quanto la ricerca concreta e tangibile
di ciò che in Papa Francesco è vita quotidiana e impegno costante delle sue azioni.

Sarebbe impossibile rendere astratto Francesco. Egli è un "fatto" continuo. Egli è un incontro continuo. Persino i suoi documenti di Magistero sono scritti in modo tale da essere sempre un richiamo all'azione, al cambiamento, alla vita che vive. Papa Francesco è il Papa dell'amore non "a parole" ma da vivere.

In fin dei conti è il filo rosso che lega queste cinquanta parole: l'amore sono i fatti, non i ragionamenti. È bello che i temi siano affrontati da giornalisti e comunicatori così diversi, ognuno con il suo stile, ognuno con la sua sensibilità. È il modo migliore per parlare di Papa Bergoglio. La ricchezza di questo pontificato, infatti, non può essere trovata se non in un insieme di sguardi e di voci che vengono da prospettive diverse. Come quell'immagine a lui cara del poliedro con molteplici facce che è preferibile alla sfera uniforme.

Più che un vocabolario questo secondo volume, in continuità con il primo, appare come un'agile guida alla conoscenza di Papa Francesco, visto con gli occhi di chi, per lavoro ma anche per motivi personali, lo segue da vicino. In questo modo diventa una specie di conversazione a più voci tra amici e colleghi, in certi casi sembra quasi che le voci siano state elaborate confrontandosi, parlando, scambiandosi idee. Non è strano, è lo scenario della comunicazione in cui siamo: una conversazione costante che si alimenta online e offline in cui ciascuno si può affacciare e dare il suo contributo. Ecco, il vocabolario è così: un insieme di spunti nel flusso della vita di Papa Francesco che continuamente ci interpella.

Questo non è un volume statico ma uno stimolo: a leggerlo viene voglia di fare qualcosa, di dire la propria, di entrare nell'"avventura" a cui il Papa ci sta invitando. Un'avventura che ci spinge a prenderci un po' di più sulle spalle il destino degli uomini, soprattutto a partire dagli ultimi. Sinceramente, se avessi potuto scegliere il titolo non avrei optato per "vocabolario" ma avrei descritto quello che è oggettivamente: "cinquanta buoni motivi per rendere il mondo un posto migliore".

Il Decalogo della Misericordia nella Comunicazione

il_decalogoDieci buone regole che papa Francesco ci offre per essere comunicatori di Misericordia. Indicazioni che valgono per tutti, non solo per i giornalisti o i comunicatori professionisti. Come ha detto Francesco «l'amore, per sua natura, è comunicazione» e dunque come esseri capaci di amare, noi esseri umani siamo tutti naturalmente comunicatori.
Nella redazione di questo speciale "Codice" l'autore si è fatto aiutare da alcune immagini, alcuni gesti del papa. La misericordia, infatti, è una virtù concreta, operativa. E questo deve valere anche quando la applichiamo al nostro modo di comunicare.

Un piccolo contributo di riflessione, suscitata da papa Francesco, per una comunicazione che metta al centro la persona e che abbia il coraggio di farsi prossima a tutti.

Il Papa non sapeva che Vinicio non fosse contagioso quando lo ha abbracciato. L'uomo coperto da escrescenze per una neurofibromatosi, rifiutato dalla gente per il suo corpo deturpato, incontra l'amore perché Francesco non ci pensa due volte a stringerlo fra le braccia, restituendogli dignità. E' questa forse una delle immagini riportata dal libro di Alessandro Gisotti, che esprime meglio l'intento del volume: far capire come il Papa comunica e insegna a comunicare.
A spiegare che il contesto di una vera comunicazione è il "patto", è nella prefazione il card. Luis Antonio Tagle. Un concetto centrale su cui l'arcivescovo di Manila si è soffermato anche in un recente incontro presso "Civiltà Cattolica":
"È molto importante avere strategie di comunicazione. Ma attenzione: quando la comunicazione diventa solo strategia non è comunicazione, diventa manipolazione. Nella Bibbia, il contesto della vera comunicazione è il Patto di Dio con l'uomo, il patto dell'uomo con la donna, il patto fra le persone in una comunità. È questo il senso della comunicazione dobbiamo portare nel mondo dei Social media".

"Comunicare con tutti, senza esclusione", "Non spezzare mai la relazione e la comunicazione", "Generare una prossimità che si prenda cura": sono alcuni dei "comandamenti" indicati da Francesco, secondo l'autore del libro che associa ad ognuno un'immagine: dalla telefonata di Francesco a Pietro Maso fino all'incontro nei giardini vaticani con Shimon Peres e Abu Mazen.

L'autore del libro, Alessandro Gisotti, afferma:

"Questo piccolo volume che ho voluto offrire a chi lo vorrà leggere, vuole proprio essere questo: un 'codice della mente e del cuore', che vada aldilà degli articoli o dei comma di legge, e che cerchi di riappropriarsi del senso vero della comunicazione. Il card. Tagle, nella prefazione del mio libro, sottolinea che questo è l'intento del volume, cioè andare attraverso il Magistero di Francesco, anzi guidati da Papa Francesco, al cuore della comunicazione e, al cuore della comunicazione, c'è la persona. Francesco ci dice dunque che se non stiamo creando ponti, se non stiamo abbattendo muri, in realtà non stiamo proprio comunicando! Quindi l'atto del comunicare per essere davvero tale, deve veramente creare la relazione, sanare laddove ci sono ferite ed orientare verso processi di riconciliazione".

Borges, Manzoni, Shakespeare: sono tante le citazioni colte, che vengono declinate in modo concreto nel libro, cioè associate ai gesti del Papa che, come spesso rilevato, comunica con le parole non meno che con i gesti. Non a caso McLuhan diceva: "Il mezzo è il messaggio". La parola chiave è infatti prossimità perché comunicazione e misericordia si incontrino.

Ancora Gisotti afferma:
"Nel primo messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali c'è questa originalità: il Papa ha paragonato il buon comunicatore al Buon Samaritano. Sostanzialmente ha detto che il modello per un giornalista, per un comunicatore di professione, è il Buon Samaritano. Questo ha colpito me come credo abbia colpito molti di noi, nella comunità di comunicatori, perché Francesco sottolinea che il Samaritano passa dal chiedersi: ‘Chi è il mio prossimo?' al farsi prossimo a tutti e ad ognuno. Questo ha molto a che vedere con la comunicazione. Non a caso Francesco definisce il potere della comunicazione come il potere della prossimità. Questo, chiaramente, implica una cura del linguaggio, delle parole che sono "esseri viventi", come diceva Victor Hugo. Quindi questo tema della prossimità è presente non solo nella sua azione pastorale ma proprio nell'esortazione che rivolge ad ogni tipo di comunicazione non solo professionale ma anche della vita; pensiamo alla famiglia, pensiamo a quel ‘permesso, scusa, grazie'. Tre parole così semplici che danno proprio il senso di una prossimità nella vita quotidiana".

A prima vista Il Decalogo del Buon Comunicatore sembra un libro per giornalisti o addetti alle comunicazioni. Ma non è così. E' un testo che si legge tutto d'un fiato: stimola il desiderio di andare oltre le proprie debolezze, oltre quella reazione istintiva assetata di identificare il nemico o il diverso, per poter invece comunicare così, come con quell'abbraccio del Papa a Vinicio.

L'Autore:

ALESSANDRO GISOTTI è vice-caporedattore alla Radio Vaticana dove lavora dal Giubileo del 2000 dopo un'esperienza alle Nazioni Unite. Giornalista professionista dal 2004, segue quotidianamente l'attività del papa e della Santa Sede.

Con la prefazione del Cardinale Luis A. Tagle, Arcivescovo di Manila, Presidente di Caritas Internationalis.

 

Brexit, Trump, e la bufala dell’algoritmo

o-383573Le ultime importanti consultazioni elettorali, da referendum su Brexit in Gran Bretagna all’elezione del presidente degli Stati Uniti, passando per le amministrative locali italiane, hanno svelato una macroscopica bufala, quella dell’algoritmo.

Il sistema a cui politici, sondaggisti, opinionisti e giornalisti si sono attaccati nella speranza che fornisse loro il risultato desiderato. Sì, perché al netto delle mille spiegazioni e giustificazioni accampate a caldo, nell’immediato di esiti accolti come inaspettati, c’è proprio questo aspetto: il risultato non poteva che essere differente da quello atteso.

Costoro hanno commesso un grande errore, forse il più banale per l’uomo di strada, sicuramente il più grave per chi fa della politica o dell’analisi politica la sua professione o ragione di vita, quello di confondere i sogni con la realtà e di credere ai primi dimenticandosi completamente di osservare, ascoltare, annusare e quindi analizzare in modo attento, acritico, effettivo e completo la realtà.

Lo smarrimento in cui sono caduti tutti questi “supporter a vario titolo” spiega quanto in loro vi fosse solo ed unicamente una realtà, quella che si erano costruiti e che erano andati avanti a narrare come un mantra ma che era nettamente lontana dalla realtà effettiva.

In un passato editoriale, a proposito della sfida Trump vs Clinton, nell’immediato delle amministrative nostrane, ponevo l’attenzione su come lo scollamento tra establishment e masse fosse ampio. Una voragine ingigantita ed acuita da anni di crisi economica, ma soprattutto dall’incapacità dei rappresentati delle élite - mondo politico, economico/finanziario ed imprenditoriale - di ascoltare la gente, di immedesimarsi nel loro quotidiano e rea di propalare un verbo solo, quello degli ambienti di provenienza spacciandolo come il migliore, l’unico ed il vincente.

Per comprendere la realtà, oggi sicuramente più complessa di quella di qualche decennio fa, non è sufficiente appellarsi a sondaggi su panel più o meno rappresentativi, all’analisi dei social media, occorre scendere nella realtà privi di schemi prestabiliti. Solo l’osservazione - che i sociologi definiscono partecipante - attenta ai fatti e capace di ascoltare, senza partire con pregiudizi potrà permettere la comprensione della realtà e quindi consentire di esprimere un giudizio obiettivo.

I toni apocalittici puntualmente sollevati prima di ogni consultazione dalle parti in competizione mostrano come si viva ormai le elezioni in un clima da tifo che, quand’anche sia comprensibile, dovrebbe appartenere però solo ai diretti protagonisti, ai loro elettori e stakeholders, senza invadere il campo, l’ottica e quindi il giudizio di chi è chiamato a riportare la realtà e a darne un tentativo di interpretazione. Occorre tornare a raccontare il mondo come è, non come vorremmo che fosse, questa è la lezione che ci offrono le ormai tante previsioni sballate ed i tanti esiti elettorali differenti dalle attese, accolti con stupore quando non con raccapriccio. Altrimenti si continuerà a stupirsi ed a indignarsi dinanzi al responso dei seggi senza mai capirne il perché. La realtà non è un algoritmo e fortunatamente si sottrae alle sue logiche che vorrebbero un mondo facilmente analizzabile, controllabile e docilmente suddito.

 

Alessandro Sartore

Riforma si, Riforma no. Cosa e come cambia la Costituzione. Il 4 dicembre il referendum

resizeIl prossimo 4 dicembre saremo chiamati ad esprimerci riguardo la riforma costituzionale. Su questa il premier Renzi ha puntato tutto, quindi in caso di vittoria del sì, il risultato sarà salutato come un successo del Governo, in caso contrario ne decreterà se non la fine, crepe pericolose, capaci di portare alla fine anticipata della legislatura.

Un Paese maturo non dovrebbe limitarsi a farne un’occasione di giudizio sull’operato del primo ministro e del suo Governo, bensì dovrebbe sforzarsi di entrare nel merito delle modifiche per tentarne una valutazione e quindi esprimersi al riguardo. Purtroppo questo non avverrà, perché in un primo momento il Presidente del Consiglio si era intestata la riforma personalizzandola oltre misura. Poi, il tempo, e soprattutto i sondaggi, hanno suggerito di cambiare strategia e di tentare di spiegare agli elettori almeno quanto di più appetitoso per la pancia dell’elettorato, contenga il testo.

Proviamo quindi a vedere di cosa si tratta, in cosa consistono i cambiamenti che il ddl Boschi intende apportare all’attuale carta costituzionale.

Diciamo subito che il piatto forte della riforma riguarda la fine del bicameralismo perfetto che non significa però fine del Senato, ma diverso ruolo della seconda camera del Parlamento.

Il Senato infatti rimarrà, si comporrà di meno senatori, rappresenterà le istituzioni territoriali ed eserciterà funzioni di raccordo tra lo Stato e gli altri enti costitutivi della Repubblica (comuni, città metropolitane e regioni). In particolare, si comporrà di 100 soggetti (ora i senatori sono 315, più quelli a vita nominanti dal Presidente della Repubblica), 95 nuovi senatori (non più eletti dai cittadini) saranno eletti dai consigli regionali tra i propri componenti e tra i sindaci dei comuni dei rispettivi territori, 5 verranno nominati dal Presidente della Repubblica.

Gli aspetti più controversi riguardano la durata ed i rimborsi spese. La durata sarà variabile, essendo infatti i nuovi senatori legati alle scadenze di regioni e comuni, si assisterà ad un periodico balletto di sostituzioni dei suoi componenti che rischia di causare un rallentamento dei lavori d’aula. Riguardo alle spese (non è corrispondente al vero che non costerà nulla), l’apparato del Senato – uffici, segreterie e utenze varie – rimarrà in piedi con i suoi costi.

Altro punto di incertezza riguarda il famoso bicameralismo perfetto (vale a dire le attuali uguali mansioni dei due rami del Parlamento). Non è del tutto vero che verrà cancellato, il nuovo art.70 prevede infatti ancora una serie abbastanza nutrita di leggi (e tutte non secondarie) che verrebbero ancora approvate insieme da Camera e Senato. Le altre leggi le approva soltanto più la Camera dei deputati. Però ogni disegno di legge approvato dalla Camera verrà immediatamente trasmesso al Senato che, entro dieci giorni, su richiesta di un terzo dei suoi componenti, può disporre di esaminarlo. Nei trenta giorni successivi, il Senato può deliberare proposte di modificazione del testo. Difficile immaginare che un Senato non in sintonia rispetto alla Camera si lasci sfuggire l’occasione di pronunciarsi sui disegni di legge trasmessigli. La doppia lettura delle leggi dunque resta, sebbene in forme diverse e forse un po’ più accelerate. Altrettanto incerta la funzione del Senato per l’esame dei decreti governativi da convertire in legge (art. 77, co. 6).

Infine, l’aspetto spesso più trascurato anche dai critici della riforma riguarda la materia della gestione economica, finanziaria e patrimoniale dello Stato. Questa materia è, al momento, prevista nell’art. 81.

La legge che approva il bilancio è l’atto sovrano e solenne con il quale, ogni anno, lo Stato definisce il quadro complessivo della finanza pubblica. L’art. 81 vigente disciplina: sono le Camere che devono approvare il Documento di economia e finanza, la Legge di stabilità, la stessa legge di bilancio e le sue modificazioni. La riforma Boschi lascia al Senato il compito di una rapida verifica e l’eventuale deliberazione “di proposte di modifiche entro quindici giorni dalla trasmissione”. Viene quindi meno il bilanciamento voluto dai costituenti, lasciando al Senato solo il ruolo di spalla. Tutti i destini finanziari dello Stato sarebbero decisi da un solo soggetto, magari ampiamente gratificato da una legge elettorale che lo rende padrone di tutte le sorti del Paese.

A conti fatti sarà un Senato prevalentemente spettatore di decisioni altrui, sulle quali ha poche possibilità di intervenire e interferire (e nel caso dovrà essere rapidissimo, visto i tempi accordategli). Avrà anche la “nobile” funzione di rappresentare le istituzioni territoriali ed esercitare funzioni di raccordo tra Stato ed enti territoriali. Ma per questo è già presente la Conferenza unificata Stato-regioni.

Infine la riforma prevede alla voce abolizione quella definitiva delle Province e del Cnel. Peccato per le Province, vero ente di raccordo cittadino/territorio, forse sarebbe stato più saggio abolire le Regioni. Del Cnel, invece, non ne sentiremo la mancanza. In attesa di vedere come finirà, l’invito è quello a informarsi, leggere, approfondire e sentire entrambe le campane per esprimere un voto quanto più lontano da schieramenti di parte ma obiettivo e responsabile.

Alessandro Sartore

 

Al via il corso “Come preparare la relazione tecnica – Legge10” con ANIT

A 11 anni dall’emanazione del DLgs 192/05 il mondo dell’efficienza energetica applicato all’edilizia cambia nuovamente le regole del gioco. A seguito della pubblicazione dei nuovi regolamenti nazionali (Decreto Requisiti minimi) e regionali, 3 giorni di formazione con ANIT e ANEA a Napoli, il 26-27 ottobre e 7 novembre 2016, su “Come preparare la Relazione TecnicaLegge 10” e raggiungere un buon livello di conoscenza tecnica e consapevolezza normativa sul sistema edificio-impianto.

Il Corso di 24 ore è valido per l'assegnazione di Crediti Formativi Professionali (n. 21 CFP per gli Ingegneri, n. 15 CFP per gli Architetti e n. 24 CFP per i Periti Industriali) e per il mantenimento della certificazione EGE da parte di TUV; permette, inoltre, a tutti gli iscritti alle Associazioni CASARTIGIANI, CLAAI, CNA, CONFARTIGIANATO, CGIL, CISL, UIL di usufruire dei contributi per la formazione, pari al 50% della spesa sostenuta, grazie all’accordo siglato da ANEA con EBAC Campania.

Essendo il corso a numero chiuso, è preferibile compilare online, quanto prima, il modulo di iscrizione all’indirizzo http://www.anea.eu/formazione/form_cprtl10b.htm

Per visualizzare il programma: http://www.anea.eu/pp_cprtl10b.htm

Maggiori informazioni: www.anea.eu

La Redazione

WaterView, la tecnologia che misura “le gocce d’acqua” ottiene il supporto del Club degli Investitori

Il più grande network regionale di business angel in Italia investe 475 mila euro in WaterView, azienda attualmente inserita in I3P - Incubatore Imprese Innovative del Politecnico di Torino, capace di rivoluzionare l’industria della raccolta dei dati in ambito meteorologico grazie ad una tecnica totalmente nuova per misurare l’intensità della pioggia

Torino, 21 settembre 2016. Il Club degli Investitori, il più grande network regionale di business angel in Italia, annuncia un nuovo investimento, per un valore di 475 mila euro, a favore di WaterView. Fondata nel 2015 da Paola Allamano, Paolo Cavagnero e Alberto Croci, e inserita in I3P Incubatore Imprese Innovative del Politecnico di Torino, l’azienda sviluppa servizi per la raccolta e l’analisi di Big Data in ambito meteorologico ed è specializzata nell’ideazione di sistemi intelligenti per il monitoraggio di fenomeni atmosferici e parametri ambientali. Il Champion scelto per essere l’interfaccia tra il network di angels e il team imprenditoriale è Birnur Ayse Yavuz, Managing Director - DHI Italia.

WaterView è in grado di rivoluzionare la raccolta dati in ambito meteorologico grazie ad una nuova tecnica che misura l’intensità della precipitazione atmosferica, a partire dalle caratteristiche strisce luminose lasciate dalle gocce d’acqua in filmati e fotografie, che possono provenire da macchine fotografiche tradizionali, telecamere di rete, webcam o smartphones.

Attraverso un’ampia gamma di dispositivi compatibili e ai propri algoritmi di elaborazione, WaterView sta aprendo la strada alla raccolta di grandi quantità di dati pluviometrici di fondamentale interesse per diversi settori, in cui conoscere l’intensità delle precipitazioni può fare la differenza: dagli operatori della protezione civile alla gestione e controllo della viabilità; dai fornitori di servizi meteo ai consorzi agricoli.

 “Negli ultimi mesi sono stati diversi i progetti di big data valutati, ma nessuno aveva mai convinto pienamente i Soci ad investire”, ha dichiarato Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori. “Su WaterView non ci sono stati dubbi: il progetto è nuovo, innovativo e risponde all’esigenza di raccogliere dei dati che spesso hanno a che fare con la sicurezza delle persone. Basti pensare al valore aggiunto che questi dati possono dare in caso di emergenza meteo agli operatori della protezione civile”.

“Aver ottenuto il sostegno economico di una realtà così importante e impegnata su investimenti di successo è per noi motivo di orgoglio, ma soprattutto rappresenta al tempo stesso una conferma e un incoraggiamento”, ha affermato Paola Allamano, Amministratore Delegato e co-fondatrice di WaterView. “La sfida ora è di promuovere al meglio la conoscenza del nostro prodotto e i vantaggi che può offrire sia per le aziende private sia per la pubblica amministrazione e le istituzioni”.

La tecnologia di WaterView è protetta da un brevetto che attualmente si trova in fase di estensione internazionale.

La Redazione