Il maestro Fu Wen Jun presenta “Harmony in Diversity” al Digital Painting Photography Exhibition

From March 9th to 19th 2017, Fu Wenjun will be presenting his solo exhibition entitled “Harmony in Diversity" al  Digital Painting Photography Exhibition, at the National Art Museum of China. The curator of the solo exhibition, Peng Feng, who is Professor at Peking University School of Arts and curator of the Chinese Pavilion at the 54th Biennale di Venezia, plans to exhibit 57 workpieces of 5 series created by Fu Wenjun in recent years, leading people to a visionary, deep world permeated with poetic meaning and tension, displaying the expressive force of contemporary photography.

Fu Wenjun, Chinese contemporary artist, was graduated from Sichuan Fine Arts Institute. He creates principally through the art media of photography, installation, sculpture and oil painting, and has put forward the concept of “digital painting abstract photography”. His works embody his thinking and reflection on many issues related to the Eastern and Western history, culture and humanity, including the relationship between different cultures in the age of globalization, the heritage of traditional Chinese culture in a rapidly changing society, industrialization and urbanization in Chinese cities. He has presented his solo exhibitions at the Old Summer Palace Museum (Beijing), at the Today Art Museum (Beijing), at the United Nations Headquarters (New York), at the Guangdong Museum of Art (Guangzhou) and at other international art organizations. His works are exhibited at significant international exhibitions, such as the Triennale dell’Arte Contemporanea, the 1st Asia Biennial/5th Guangzhou Triennial, the XVIII Bienal de Cerveira, NordArt, and the collateral exhibition of Biennale di Venezia 2013, entitled Voice of the Unseen Chinese Independent Art 1979/Today. He has gained numerous awards, including the first prize from the International Biennial of Contemporary Art in Argentina, “The Best Artist in the World” at Tour Eiffel La Grande Exposition Universelle, the International Award “Lorenzo il Magnifico” of X Florence Biennale.

Having been creating photographic works for about thirty years, Fu Wenjun has kept thinking and exploring for a long time on the concept expression in the form of contemporary photography. Recently he has almost abandoned the documentary photography, and focuses on creating works permeated with an elegant and poetic flavor of Chinese traditional culture qualities, meanwhile conveying the symbolic and critical consciousness of contemporary art. Fu Wenjun names this kind of new photography as “digital painting photography”.

The “digital painting photography” of Fu Wenjun has broken the antithesis of photography and painting, and has destroyed the cause-effect relation between photography and the object. He believes the photographer, like a painter, can collect any kind of visual elements to express ideas or feelings. Observers can appreciate the workpiece as if it was a painting, understanding the morale and the implied meaning of the photographic work. “Digital painting photography” provides the artist a great freedom, so that he can boldly melt pictorial elements into photography, just like the Chinese traditional freehand brushwork, heartily and carrying through without stopping. At the same time, he does not rely on “just photography”, instead he starts from the subjective thinking and artistic creativity to give shape to a new visual viewing experience.

The formal freedom allows a calm and easy conveyance of ideas. With the background of globalization, the integration of multiple cultures is not to melt into each other, but to coexist peacefully keeping their unique posture and charm, to supplement and complement each other. Fu Wenjun is clearly aware of this. In each piece of his representative series Harmony in Diversity, in the picture Chinese traditional paintings are blended with Western classic sculptures, delivering an elegant and meaningful flavor. The two forms of beauty show harmony in diversity, and each one has its uniqueness.

After analyzing the artistic thinking and creation of Fu Wenjun, the curator Peng Feng has selected to four photography series, Harmony in Diversity, A Wind from Yesterday, Thought Reading, and the photography installation work Post-industrial Era to be shown at the National Art Museum of China, the most prestigious art museum in China. He would like to invite the spectators to feel the endless charm sent forth by the distinctive “digital painting photography”, creating sparks in their heart.

 

Harmony in Diversity: Fu Wenjun's Digital Painting Photography Exhibition

Organizer: Chongqing Federation of Literary and Art Circles

Curator: Peng Feng

Exhibition duration: March 9th -19th, 2017

Press conference: 3pm March 8th, 2017 (First Floor Hall No.3, National Art Museum of China)

Venue: First Floor Hall No.3, 5, 7, National Art Museum of China

 

About the exhibition

The relationship between photography and painting has always captured the interest of arts scholars. According to most fundamentalist scholars of aesthetics, ontological differences exist between photography and painting. The appearance of the digital imaging technology has destroyed the cause-effect relation between photography and the object. Photographer, like a painter, can collect any kind of visual elements to express ideas or feelings. Observers can appreciate the workpiece as if it was a painting, understanding the morale and implied meaning of the photographic work. Fu Wenjun towards such new photographic art, named digital painting photography, wants to master photography as if it was a painter, to express independent ideas, morale, and even abstract mental states. Fu Wenjun is a forerunner in the field of digital painting photography, this exhibition presents 5 series of 57 workpieces realized in the last few years; they will lead us to a visionary, deep world permeated with poetic meaning and tension, displaying the expressive force of contemporary photography. (By the curator Peng Feng)

 

About Fu Wenjun

www.fuwenjun.com

Fu Wenjun, Chinese contemporary artist, was graduated from Sichuan Fine Arts Institute. He creates principally through the art media of photography, installation, sculpture and oil painting, and has put forward the concept of “digital painting abstract photography”.

His works embody his thinking and reflection on many issues related to the Eastern and Western history, culture and humanity, including the relationship between different cultures in the age of globalization, the heritage of traditional Chinese culture in a rapidly changing society, industrialization and urbanization in Chinese cities.

He has presented his solo exhibitions at the Old Summer Palace Museum (Beijing), at the Today Art Museum (Beijing), at the United Nations Headquarters (New York), at the Guangdong Museum of Art (Guangzhou) and at other international art organizations. His works are exhibited at significant international exhibitions, such as the Triennale dell’Arte Contemporanea, the 1st Asia Biennial/5th Guangzhou Triennial, the XVIII Bienal de Cerveira, NordArt, and the collateral exhibition of Biennale di Venezia 2013, entitled Voice of the Unseen Chinese Independent Art 1979/Today.

He has gained numerous awards, including the first prize from the International Biennial of Contemporary Art in Argentina, “The Best Artist in the World” at Tour Eiffel La Grande Exposition Universelle, the International Award “Lorenzo il Magnifico” of X Florence Biennale. His artworks are collected by Today Art Museum, the Old Summer Palace Museum, Tokyo Metropolitan Art Museum, Kennedy Family, World Council of Peoples for the United Nations, Dazu Grotto Museum, Chongqing Art Museum, Guangdong Museum of Art, Société Nationale des Beaux Arts of France, Egypt Ahmed Shawki Museum and other significant organizations and collectors.

Dipinti dal carcere – Venerdì 10 Febbraio 2017

 

Da una lunga esperienza professionale a contatto col mondo dei detenuti (avvocato penalista ) e dalla passione in campo artistico (pittrice) nasce, nella mente di Antonella Cotta, l'idea di coinvolgere soggetti privati della libertà, in un'esperienza di laboratorio creativo di pittura, a fianco di Roberta Bonavera.

La finalità del progetto è quella di tentare di scoprire quanto di positivo e creativo ci sia anche in persone che hanno compiuto atti non consoni alla vita sociale. Il tema ispiratore è il testo della canzone "Nel blu dipinto di blu", conosciuta in tutto il mondo come "Volare", che darà ai soggetti partecipanti l'opportunità di dipingere su tela in piena autonomia, volare lontano dal proprio stato, consentendo di proiettarsi in quel vasto cielo blu di cui non possono godere.

Il progetto, sviluppatosi all'interno della Casa Circondariale di Sanremo, dove sono state preventivamente concordate le varie modalità di esecuzione, ha previsto incontri plurisettimanali con coloro che si sono resi disponibili  e  che sono stati  individuati dalla Direzione della Casa Circondariale.

La finalità sociale del progetto, che ha permesso a persone che vivono in un contesto di disagio, di poter sperimentare con atti creativi, momenti di serenità dai quali possono emergere talenti nascosti, non vuole esaurirsi con questa prima esperienza, ma verrà proposta ad altre strutture di detenzione, integrata con la creazione di una “Gallery art" visitabile dai detenuti della struttura e anche da persone esterne autorizzate, e la proposta di un inserimento delle stesse opere realizzate all’interno di rinomate esposizioni collettive d’arte, quali quelle  in Via Margutta,  Via Bagutta e Portici di Bologna.

Nuovo riconoscimento per l’Artista Fu Wenjun al Premio ArteRoma 2016

Fu Wenjun, uno dei maggiori artisti dell’Arte Contemporanea Internazionale, nuovamente in Italia per il Premio ArteRoma che si terrà dal 16 Settembre 2016 al 30 Ottobre 2016 nella prestigiosa location archeologica dello Stadio Domiziano nel cuore di Roma in Piazza Navona.
Il Maestro Fu Wenjun presenta in questa occasione una splendida opera che incarna le problematiche da sempre affrontate da questo artista come la storia orientale e occidentale, l’eredità della cultura tradizionale cinese in una società in rapido cambiamento, il rapporto tra diverse culture nell’era della globalizzazione scenario di grandi mutamenti che vede l’industrializzazione e l’urbanizzazione nelle città cinesi.

Il PREMIO ARTE ROMA 2016 si sviluppa in due step: il primo è la selezione online, tra tutti i candidati, di cinquanta opere, una per artista, che saranno poi esposte in un’importante mostra. Il secondo è la scelta, tra queste, dell’unica opera vincitrice a cui sarà assegnato il PREMIO ARTE ROMA 2016.

La cerimonia di assegnazione del titolo al vincitore, proclamato Eccellenza Contemporanea, avrà svolgimento in occasione del vernissage, la sera del 16 settembre 2016, con contestuale consegna del premio in danaro di euro 5.000,00.

Tutte le opere candidate saranno esposte online, dal 1 agosto 2016 al 30 giugno 2018, garantendo una visibilità a tutti gli iscritti, su scala mondiale, grazie anche alle tante importanti partnership presenti.

Ingresso esposizione
Via di Tor Sanguigna, 3 – 00186 Roma

Orari
Tutti i giorni 10.00-19.00 (no giorno di chiusura)
Sabato 10.00-20.00
La biglietteria chiude 30 minuti prima

A Roma Femminile e femminino a casa Andersen

Opere esposte alla mostra "Femminile e Femminino. Donne a casa Andersen" fino al 2 ottobre al Museo Andersen di Roma.
Opere esposte alla mostra "Femminile e Femminino. Donne a casa Andersen" fino al 2 ottobre al Museo Andersen di Roma.

La donna e la sua essenza sono tornate protagoniste in Casa Andersen, ultima dimora romana dello scultore, pittore e urbanista americano di origini norvegesi, oggi diventata Museo Hendrik Christian Andersen e che fino al 2 ottobre ospita la mostra a cura di Maria Giuseppina Di Monte, 'Femminile e femminino. Donne a casa Andersen'.

"La mostra - racconta la direttrice Maria Giuseppina Di Monte - è un'occasione per riscoprire la sua casa e lo spirito che la animava. Andersen non solo poneva uomini e donne sullo stesso piano ma considerava la donna il tramite per l'elevazione dell'uomo. Riprendendo il pensiero di Goethe, però, era convinto anche che il femminino appartenesse ad entrambi, senza distinzione".

In un ideale itinerario tra il grande l'atelier e lo studio del piano terra, dove il maestro lavorava ed esponeva le opere finite, e poi il piano superiore, nelle stanze private e nel salotto a grandi vetrate, dove stucchi e decori si specchiano nei soffitti affrescati di allegorie, tutte al femmine, sono oggi esposte 70 opere, tra disegni, tele, bozzetti, nudi, ma anche oggetti personali, fotografie d'epoca, scritti, libri, ritrovati nei depositi del museo e generalmente non visibili.

Cinque le sezioni che raccontano Hendrik (e suo fratello Andreas) tra donne 'prototipo' come la Sirenetta, Eva, la Maddalena e Psiche, e donne 'reali'.

"La casa stessa - aggiunge la Di Monte - era per lui simbolo del femminile e metafora dell'accoglienza". Ecco allora anche il popolo delle donne che Hendrik, "molto vicino ai rosacrociani, all'animismo e agli steineriani", stimava: dalla pittrice Mabel Norman alla scrittrice e giornalista femminista Julia Ward Howe, oltre alle più belle attrici e cantanti della città.

Tra le curiosità non manca il carteggio con lo scrittore Henry James, e  la donna nella città perfetta e in quella complessa monumentale Fontana della Vita, scandita da sculture in marmo alte 2-3 metri, alla quale lavorò incessantemente sin dal 1904 come fulcro del Centro Mondiale che si sarebbe nutrito degli sforzi dell'intera umanità nel campo dell'arte, della scienza e della religione, del commercio, dell'industria e della legge. E nella quale Andersen immaginava la completa partecipazione delle donne.

by Laura Vanetti

DARK NOUVEAU – MALLEUS Solo Exhibition prima personale in Italia

DARK NOUVEAU_IndromestendhalLa mostra DARK NOUVEAU, prima personale in Italia dedicata al collettivo artistico MALLEUS, inaugura sabato 4 giugno alle ore 18.30 nelle sale dell’Appartamento Padronale di Palazzo Saluzzo Paesana e negli spazi dell’ex Teatro Paesana e sarà visitabile fino al 26 giugno (ingresso da Via Bligny n. 2 - Torino).

Dedicata al fermento artistico del collettivo Malleus - formato da Lu, Poia e Urlo, tre eclettici artisti piemontesi originari di Tortona - DARK NOUVEAU presenta oltre 100 opere, pezzi unici e serigrafie, che traggono la loro suggestione da un’estetica post-romantica, con particolare attenzione all’espressionismo e al simbolismo, all’art nouveau e allo jugendstil, così come dalla psichedelia e dall’estetica manga, toccando ambiti quali il fumetto, la pop art, il cinema e soprattutto la musica rock. Ingredienti d’ispirazione artistica che si miscelano sapientemente grazie agli inchiostri utilizzati nelle serigrafie dove la figura della donna, l’eterno femminino onnipresente nella cultura di inizi Novecento, è il centro del percorso espositivo, il fil rouge della mostra.

Dark Nouveau - commenta il curatore della mostra e Direttore Artistico degli spazi espositivi Enrico Debandi - offre ampia visibilità alle opere dei Malleus. Tutti gli ingredienti utilizzati si fondono con l'elemento principale della loro poetica, che è la forma femminile, la dea primordiale da cui tutto nasce. Un po’ liberty un po’ dark, mescolato con elementi di surrealismo e citazioni dalla scuola dell'espressionismo, risultante in un'esperienza psichedelica di magia visiva quasi travolgente. Tutta la potenza dei lavori dei Malleus si basa su disegni a mano eseguiti in maniera magistrale che riflettono il loro profondo amore per la musica.“

La mostra, visitabile dal 4 al 26 giugno, si sviluppa in due diversi spazi espositivi:

Adobe Photoshop PDFl’ex Teatro Paesana, a piano terra, ospiterà le sezioni della mostra dedicate alla poster art realizzata dal collettivo per gruppi musicali e artisti tra i più interessanti del panorama mondiale, tra i quali Iggy Pop, Foo Fighters, Chemical Brothers, Cure, Prodigy, Sex Pistols e Sonic Youth. In tal sede verrà anche esplorata l’attività musicale di una parte del gruppo, attraverso alcuni video realizzati per il progetto Oro di Ufomammut oltre al nuovo progetto Farwest Zombee, nel quale l’ascendenza post-romantica e gotica degli artisti viene particolarmente messa in risalto;

l’Appartamento Padronale, sito al piano nobile del Palazzo, presenterà invece opere rare ed inedite degli artisti: dai preziosi pezzi unici realizzati a mano, alle opere ormai diventate dei veri oggetti cult per i collezionisti. Una delle sale dell’Appartamento sarà, inoltre, interamente dedicata alle serigrafie ispirate ai film di Dario Argento, che collegano il lavoro dei Malleus con una simbolica “ragnatela” agli aspetti più oscuri della nostra città, utilizzata più volte dal famoso regista horror come set per i suoi film.

ORARI VISITE:

Dark Nouveau è visitabile da sabato 4 giugno fino a domenica 26 giugno, dalle ore 15.00 alle ore 20.00 (ultimo ingresso ore 19.15).
Ingresso libero (chiusura i lunedì e il 24 giugno).

  • DARK NOUVEAU_Mudhoney
  • DARK NOUVEAU_Hanami
  • DARK NOUVEAU_Indromestendhal
  • Adobe Photoshop PDF

“HUMAN RIGHTS?” DIVERSITY il meraviglioso valore della diversità

 

logheIl 21 maggio di ogni anno si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale della Diversità Culturale per il Dialogo e lo Sviluppo.

“Poiché la dignità dell’uomo esige la diffusione della cultura e l’educazione di tutti per la giustizia, la libertà e la pace, tutte le nazioni

hanno doveri sacri da adempiere in uno spirito di mutua assistenza...” - questo si legge nel Preambolo dell’Atto costitutivo

dell’UNESCO che pertanto si propone di “contribuire al mantenimento della pace e della sicurezza, favorendo, mediante l’educazione,

la scienza e la cultura, la collaborazione fra nazioni, al fine di assicurare il rispetto universale della giustizia, della legge, dei diritti

dell’uomo e delle libertà fondamentali che la Carta delle Nazioni Unite riconosce a tutti i popoli, senza distinzione di razza, di sesso, di

lingua o di religione”.

Questo impegno si è andato rafforzando negli anni, e si è ulteriormente concretizzato con l’adozione, nel 2001, della Dichiarazione

Universale dell’UNESCO sulla Diversità Culturale, per mezzo della quale la comunità internazionale ha riaffermato la propria

convenzione che il rispetto della diversità culturale e del dialogo rappresentino la migliore garanzia per lo sviluppo e per la pace.

La Dichiarazione Universale dell’UNESCO specifica che:

Articolo 1 - La diversità culturale, patrimonio comune dell’Umanità.

La cultura assume forme diverse nel tempo e nello spazio. La diversità si rivela attraverso gli aspetti originali e le diverse identità

presenti nei gruppi e nelle società che compongono l’Umanità. Fonte di scambi, d’innovazione e di creatività, la diversità culturale è,

per il genere umano, necessaria quanto la biodiversità per qualsiasi forma di vita. In tal senso, essa costituisce il patrimonio comune

dell’Umanità e deve essere riconosciuta e affermata a beneficio delle generazioni presenti e future.

Articolo 2 - Dalla diversità al pluralismo culturale

Nelle nostre società sempre più diversificate, è indispensabile assicurare un’interazione armoniosa e una sollecitazione a vivere

insieme di persone e gruppi dalle identità culturali insieme molteplici, varie e dinamiche. Politiche che favoriscano l’integrazione e la

partecipazione di tutti i cittadini sono garanzia di coesione sociale, vitalità della società civile e di pace. Così definito, il pluralismo

culturale costituisce la risposta politica alla realtà della diversità culturale. Inscindibile da un quadro democratico, il pluralismo culturale

favorisce gli scambi culturali e lo sviluppo delle capacità creative che alimentano la vita pubblica.

HUMAN RIGHTS? #DIVERSITY vuole parlare della diversità in tutti i sensi.

Vogliamo estendere il concetto e parlare di ogni tipo di diversità.

Non solo diversità culturale, quindi, ma diversità in generale come fattore di crescita, di apertura mentale ed emotiva, di capacità di

ascoltare l’alterità, di consapevolezza che anche noi siamo ‘i diversi’ rispetto a qualcun’altro.

La diversità è ricchezza, è miglioramento del DNA sia in senso metaforico che fisico; a volte è il risultato di scelte personali, altre volte

AIAPI | ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE ARTI PLASTICHE ITALIA – Comitato Nazionale IAA/AIAP UNESCO Official Partner

www.aiapi.it hr.paziotempoarte.com www.spaziotempoarte.com

Mobile +39 348 06 13 364

è semplicemente questione di appartenenza. La diversità degli altri è qualcosa che possiamo scoprire spesso anche solo ascoltando,

anche quando la diversità non è evidente agli occhi.

Il rispetto della diversità, sotto ogni aspetto, è un diritto essenziale degli uomini e delle donne, dei bambini e delle bambine in tutto il

mondo.

E' semplicemente questione di appartenenza. La diversità degli altri è qualcosa che possiamo scoprire spesso anche solo ascoltando,

anche quando la diversità non è evidente agli occhi.

Il rispetto della diversità, sotto ogni aspetto, è un diritto essenziale degli uomini e delle donne, dei bambini e delle bambine in tutto il

mondo.

La diversità è un diritto, rispettarla è un dovere.

In HUMAN RIGHTS? #DIVERSITY gli artisti parlano del valore della diversità ma anche della violazione del rispetto delle diversità

utilizzando il linguaggio dell’arte e così parlando con tutti, superando ogni barriera

 

Vernissage inaugurale 21 Maggio 2016, ore 17.00

'HUMAN RIGHTS? #DIVERSITY – 141 ARTISTI DA 34 NAZIONI RACCONTANO IL MERAVIGLIOSO VALORE DELLA DIVERSITÀ

 

 

GLI ARTISTI

Alfredo Avagliano e Hanneke Naterop | Rossella Baldecchi | PG Baroldi e Gabriele Bisetto | Gabriele Bartoletti | Giancarlo Beltrame |

Nicoletta Bertacchi | Fabrizio Berti | Bikkel | Linda Blokken | Bluer | Giancarlo Bonacina | Gina Bonasera | Lidia Borella | Claudine

Boucq | Bernard Bouton | Brizzo | Clelia Caliari | Massimo Cappellani | Domenico Carella | CaSo Ø - Sabrina Viola, Beatrice Del Con-

AIAPI | ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE ARTI PLASTICHE ITALIA – Comitato Nazionale IAA/AIAP UNESCO Official Partner

www.aiapi.it hr.paziotempoarte.com www.spaziotempoarte.com

Mobile +39 348 06 13 364

te, Ilenia Solombrino, Annalisa Mazziotti, Eleonora Marocco | Pablo Caviedes | Venere Chillemi | Teresa Condito | Laura Correggioli |

Maria Rosaria Cozza | Franco Crocco | Mercedes Cuman | Luca Dalmazio | Margarita De Andreis | Dario de Cristofaro | Giuseppe De

Michele | T.A.M. Cagliari - Domenico Di Caterino e Barbara Ardau | Rino Di Terlizzi | Brigitte Dietz | Tonia Erbino | Fabrizio Fabbroni |

Giacomo Falcinelli | Cristina Fornarelli | Veronica Francione | Antonio Fumagalli | Michael Gaddini | Fabrizio Giusti | Olga Glumcher |

Isabella Guidi | Anna Gunnlaugsdottir | Lydia Hoffnungsthal | Tomasz Holuj | Theo Hues | Alberto Lanzaretti | Annalisa Lenzi | Ugo Levita

| Adele Lo Feudo | Lughia | Gabriella Maldifassi | Rudra Kishore Mandal | Martine Marques | Moreno Marzaroli | Roberta Mascia -

relli | Giovanni Mazzi | Claudia Mazzitelli | Mazzocca R Pony | Melò | Memo_Art - Marianna Merler e Christian Molin | Elizabete Mengele

| Aranka Mezősi | Daniel Mirchev | Martha Mosquera | Maurizio Muscettola | Silvio Natali | Patrizia Nicolini | Maria Oikonomou | Giu -

lio Orioli | Uli Osterman | Mariamarta Pacheco | Alessandra Palomba | Rosella Passeri | Federica Petri - Tuttifrutti | Sylvia Petsoura |

Luca Piccini | Sashia Piccolo | Yajaira M Pirela M | Germana Ponti | Veronique Pozzi | Punto Critico | Eliana Re | Giuditta Rustica | Mariapia

Saccone | Seham Salem | Luigi Sardella | Giuseppe Sassone | Don Seastrum | Astrid Serughetti | Isabel Sevillano | Maela Silve -

strin | Antonella Soria | Gemma Spada | Sigurborg Stefansdottir | Georgieva Svetoslava | Daniela Tabarin | Nicolas Tarantino | Testadi -

legno | Paola Toffolon | Gemma Van Gennip | Imma Visconte Petr Vlach Massimo Volponi | Tadas Vosylius | Elaine Weiner-Reed |

Madeleine Wories | Stefano Zaghetto | Cristina Zanella | Lab. Terra Aperta Verona - Iaia Zanella, Giuliana Magalini, Chiara Ferrari con

Alimameh Touray, Luke Emmanuel, Lamin K. Ceesay, Abubakari Gyinadu, Aziegbe Frank, Whyte Osameikhian Ebediale-Ogi, Jonathan

N’Sarma, Simon Fred, Lasila Happiness, Momoudou Konte, Aboubacar Lamissoko, Olorunnisola Olani, Abdoulaye Niky, Abdou -

laye DiopOrario

Musiche di Banda del Bukò

OLANDA ITALIA CURAÇAO BELGIO FRANCIA ECUADOR USA COLOMBIA GERMANIA COSTA RICA UKRAINA ISLANDA SPAGNA POLONIA SVEZIA INDIA

BRASILE LETTONIA UNGHERIA BULGARIA GRECIA CANADA VENEZUELA AUSTRIA EGITTO LITUANIA REPUBBLICA CECA NIGERIA SENEGAL GAMBIA

GHANA TOGO MALI

 

“Misteri in valle”, professione fumettista

13244163_990793421016816_5134789280925494535_oReduce da Torino Comics, Klay, alias Claudio Broglio, è nuovamente in azione con "Misteri in Valle" alla Mostra omonima ove il fumettista, svelerà alcuni dei retroscena di questa avvincente professione. Il fumettista interverrà inoltre sul tema "Come nasce il fumetto"

L'iniziativa, ad ingresso libero, è organizzata dall'Associazione Casa Zuccala che intende così proporre il territorio piemontese in una veste diversa e giovane perchè consapevole dell'importanza di attrarre sempre più giovani alla riscoperta di un territorio che è patrimonio di tutti.

 

Per info e contatti

Ufficio Stampa Casa Zuccala

"Casa Zuccala" - Associazione Culturale Casa Zuccala

Via Profonda, 0 10020 Marentino

www.casazuccala.it

ufficiostampa.casazuccala@gmail.com

info@casazuccala.it

  • 13227362_990784287684396_895505311601354384_o
  • BCOP MISTERI 15 (1)
  • COP MISTERI 17

Il Simbolismo dalla Belle Époque alla Grande Guerra

1f87342ad526baecb636d69f7f94ff58b21f726La Mostra, promossa dal Comune di Milano-Cultura e prodotta da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e Arthemisia Group, la mostra è a cura di Fernando Mazzocca e Claudia Zevi in collaborazione con Michel Draguet.
Con 24 sale site al piano nobile di Palazzo Reale, la mostra mette per la prima volta a confronto i simbolisti italiani con quelli stranieri grazie a circa un centinaio di dipinti, oltre alla scultura e un’ eccezionale selezione di grafica, provenienti da importanti istituzioni museali italiane ed europee oltre che da collezioni private.
La mostra presenta per la prima volta in Italia alcuni tra i più significativi capolavori del simbolismo europeo: innanzitutto alcune delle icone dell’idea simbolista del mondo: Carezze (L’Arte) la straordinaria donna/ghepardo di Fernand Khnopff; la testa di Orfeo galleggiante sull’acqua di Jean Delville, entrambi provenienti dal Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique di Bruxelles; l’enorme, sublime opera di Ferdinand Hodler, intitolata l’Eletto, dall’Osthaus Museum di Hagen e Il silenzio della foresta di Arnold Böcklin, dalla Galleria Nazionale di Poznan. Si tratta di opere mai viste in Italia che già stanno generando una grande aspettativa fra pubblico e critica.
Una delle sezioni più scenografiche della mostra è composta dalle sale dedicate alla Biennale del 1907: una straordinaria vetrina di confronto tra l’arte italiana più evoluta, cresciuta anche dal confronto con le grandi mostre della Secessione di Berlino e di Vienna. Giulio Aristide Sartorio è presente con l'imponente ciclo pittorico Il poema della vita umana, realizzato per la Biennale del 1907, la stessa dove venne allestita la famosa Sala dell'Arte del Sogno che ha rappresentato la consacrazione ufficiale del Simbolismo in Italia. Il ciclo di Sartorio è affiancato dall’installazione dell’artista vicentino Alberto Tadiello, il cui intervento sonoro - l’incipit di una composizione musicale ripetuto molte volte in modo sfalsato- crea una nuova esperienza di fruizione artistica.
Attraverso 21 sezioni tematiche, il percorso espositivo si svolge poi tra atmosfere e dimensione oniriche: accompagnato dalle poesie di Baudelaire, tratte dalla raccolta ‘I fiori del Male’ il visitatore attraversa le sale della mostra passando dalle rappresentazioni demoniache di Odillon Redon, alle rappresentazioni dei miti di Gustave Moreau, al vitalismo di Ferdinand Hodler, al colorismo dei Nabis. Le interpretazioni dell’amore di Giovanni Segantini, l’immaginario divisionista di Gaetano Previati e la magia della decorazione di Galileo Chini rendono conto, tra l’altro, dell’importanza del movimento simbolista in Italia, permettendo così di riscoprire nomi meno conosciuti: Luigi Bonazza, seguace italiano di Klimt, Leo Putz, Giorgio Kienerk e gli scultori Leonardo Bistolfi e Amleto Cataldi. Il percorso espositivo si chiude immergendo lo spettatore nell'atmosfera fantastica delle Mille e una notte, il ciclo decorativo realizzato da Zecchin alla vigilia della Grande Guerra.
La Redazione

Yoga al Museo

2f1ad67cebbe95adcbcf3e26530b9996e4662b6Gli incontri di Yoga al Museo proseguono anche nel mese di aprile con 5 nuovi appuntamenti, il sabato mattina dalle 10.30 alle ore12.30, al Museo Pignatelli e alla Certosa e Museo di San Martino
Il Polo museale della Campania ospita il progetto curato dell’associazione YogArt, nato con l’intento di far dialogare la pratica dello Yoga, disciplina millenaria basata su un sistema armonico di sviluppo del corpo e della mente, con la conoscenza del patrimonio dei musei napoletani, offrendo l’opportunità di partecipare, dopo ogni lezione, a percorsi guidati affascinanti attraverso le collezioni museali.
Le lezioni saranno condotte da Paolo Colussi, insegnante di Yoga e terapeuta Ayurvedico, coadiuvato da allievi esperti dell’associazione YogArt. Verranno proposte semplici pratiche di movimento e respirazione, orientate a ristabilire il giusto flusso energetico e il benessere psicofisico. A questi esercizi seguirà un rilassamento guidato, utile per allentare le tensioni più profonde.
Museo Pignatelli - sabato 2  e 9 aprile, 10.30-12.30
Dopo lo Yoga seguirà la  visita al Museo Pignatelli con i nuovi ambienti e al Museo delle Carrozze
Certosa e Museo di San Martino - Sabato 16 - 23 - 30 aprile, ore 10.30-12.30
Dopo lo Yoga seguirà la  visita ad  alcune sezioni
del museo:
16 aprile- la chiesa a cura di Roberto Sabatelli staff SED di San Martino
23 aprile-la sezione Immagini e memorie della città a cura di Antonella Cascini dello staff SED di San Martino
30 aprile- la Sezione teatrale a cura di Alessandra Gallo dello staff SED di San Martino.
INGRESSO FINO A ESAURIMENTO POSTI, MAX 50 persone.
La durata delle lezioni sarà di due ore, dalle ore 10.30 alle ore 12.30
Il costo del biglietto d’ingresso ridotto per coloro che parteciperanno all’iniziativa
Si raccomanda di indossare abiti comodi e portare un tappetino e una coperta.

 

Pasqua e Pasquetta tra arte e cultura nei siti archeologici di Marzabotto, Russi e Veleia

367683aa8f4d1a6140cbd89df74ec88243563549Ce n’è davvero per tutti i gusti per chi volesse trascorrere il week-end di Pasqua visitando le zone archeologiche statali dell’Emilia-Romagna che, tra l'altro, beneficiano di 60 minuti di luce in più per il passaggio all'ora legale.
Come già da qualche anno, anche il giorno di Pasqua e Pasquetta le aree archeologiche osserveranno il normale orario di apertura per consentire a cittadini e turisti di apprezzare i propri scavi e reperti.

L'antica città di Kainua e il Museo Nazionale Etrusco “Pompeo Aria” di Marzabotto rinunciano alla chiusura del lunedì restando aperti in entrambi i giorni dalle 9 alle 17.30 (il museo) e dalle 8 alle 17.30 (gli scavi).
La Villa Romana di Russi è aperta il giorno di Pasqua dalle 14 a un'ora prima del tramonto e a Pasquetta dalle 9 a un'ora prima del tramonto.
Le porte della città romana di Veleia sono aperte in entrambe le giornate dalle 9 a un'ora prima del tramonto (indicativamente alle 18.30)

Maggiori informazioni sul sito della Soprintendenza Archeologia o direttamente ai musei:
Antica città di Kainua e Museo Nazionale Etrusco “Pompeo Aria”
Via Porrettana Sud 13, Marzabotto (BO)
tel. 051.932353, ingresso € 3,00

Area archeologica della città romana di Veleia
Strada Provinciale 14, località Veleia Romana, Lugagnano Val d’Arda (PC)
tel. 0523.807113, ingresso € 2,00

Complesso archeologico della Villa Romana
Via Fiumazzo, Russi (RA)
tel. 0544.581357, ingresso  € 2,00